Dieci storie di civiltà per chitarra e batteria

Dieci storie di persone comuni, di vite spezzate, di eroi di tutti i giorni, raccontate e cantate per voci batteria e chitarre: Dieci storie proprio così – Terzo Atto, nuovo appuntamento per Teatri di Confine giovedì 21 marzo alle 21 al Verdi, per il progetto Il palcoscenico della legalità, grazie a una cordata amplissima di enti produttori, Teatro di Roma, Teatro Stabile di Napoli, Emilia Romagna Teatro Fondazione, Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani  della Regione Piemonte,  in collaborazione con Teatro Stabile di Torino e  The Co2 Crisis Opportunity Onlus, e promosso, tra gli altri,  dal Master in Analisi, prevenzione e contrasto della criminalità organizzata e della corruzione dell’Università di Pisa. Continua a leggere

Don Giovanni di Mozart secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio

Finalmente Pisa nella tournée della più grande orchestra multietnica d’Europa, composta da musicisti provenienti da 10 Paesi, 4 Continenti, in cui si parlano 9 lingue, e si suonano più di 30 strumenti diversi e molti dai nomi sconosciuti. Protagonista en travesti nei panni del grande seduttore la voce femminile di Petra Magoni. Sabato sera e domenica pomeriggio al Teatro Verdi. Continua a leggere

Antologia corale di Rossini e di Verdi

Venerdì sera alle 21 al Teatro Verdi di Pisa è in concerto il Coro polifonico “Bruno Pizzi”, a dieci anni dalla fondazione del Coro intitolato al Maestro pisano scomparso nel 1981, con l’Orchestra dell’Istituto Boccherini di Lucca, dirige il M° Gianpaolo Mazzoli: in programma cori e arie dal Barbiere di Siviglia e dal Gugliemo Tell di Rossini; di Verdi i due celebri cori dell’Ernani (“Evviva beviam” e “Si ridesti il leon di Castiglia”), seguiti da arie e cori de Il trovatore, Rigoletto e La Forza del destino. Continua a leggere

Doppio brindisi a teatro

Il capodanno, una volta ancora, si festeggia a teatro. Il 31 dicembre con inizio della serata alle 22.15 (ma per chi vuole c’è l’opportunità del cenone curato dal Foyer Café e servito in Sala “Titta Ruffo”), al Verdi aspetteremo il 2019 tra Danza, acrobazia, illusionismo, inventiva, leggiadria, talento e sorpresa. Tutto in Night garden, spettacolo cult della compagnia Evolution Dance Theatre. E a mezzanotte, ovviamente il brindisi. Il 1° gennaio, alle 18, la ventisettesima edizione del Concerto di Capodanno. Una tradizione che si rinnova grazie all’impegno congiunto del Comune di Pisa, del Lions Club Pisa Host e della Fondazione Teatro di Pisa.  Continua a leggere

Da Pisa a Memphis con la Betta Blues Society

La blues band italiana, anzi, pisana, Betta Blues Society, ha vinto il viaggio premio a Memphis, Tennessee, per rappresentare l’Italia nel più grande concorso di band blues del mondo: l’International Blues Challenge, dal 16 al 20 gennaio nei migliori club di Memphis, a pochi metri dalle sponde del Mississippi River. Ci racconta di questo traguardo la cantante del gruppo Elisabetta Maulo, per tutti “Betta”, voce e volto noto al Verdi di Pisa per aver curato molti laboratori musicali, performer e musicista in vari progetti tra il blues il country e il jazz, che la porteranno, dopo gli Stati Uniti, anche in Cina.

Continua a leggere

Nel 2017 un nuovo direttore artistico per le attività musicali

Nel 2017 la Fondazione Teatro di Pisa avrà un nuovo direttore artistico per le attività musicali: il M° Stefano Vizioli rappresenta per il Verdi una scelta volta a marcare un cambiamento e la volontà di coniugare la propria storia e tradizione con uno sguardo a 360 gradi su ciò che si muove nella società e nel mondo. Diplomato in pianoforte con massimo dei voti e lode presso il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, è noto regista d’opera con una ultratrentennale carriera che lo ha visto protagonista nei più importanti teatri italiani e stranieri. Vizioli succede al M° Marcello Lippi a cui vanno il riconoscimento e la gratitudine della Fondazione per il generoso impegno profuso, grazie al quale sono sensibilmente cresciuti abbonati e spettatori, nonché il numero di produzioni presentate ogni anno.  Continua a leggere

La musica degli angeli

Nell’ambito del Festival Demoni e Angeli del Teatro Verdi, il 6 maggio prende il via il ciclo musicale Gli Angeli del Servizio Cultura e Università dell’Arcidiocesi di Pisa. Tre incontri musicali incentrati sulla figura degli angeli e condotti da monsignor Severino Dianich e dal maestro Stefano Barandoni, organizzati in collaborazione con Università, Fondazione Teatro di Pisa e Associazione Coro Polifonico San Nicola. Il primo, dedicato all’arcangelo Michele, ha per titolo La spada dell’angelo e si svolgerà alle 21 di questo venerdì nella chiesa di San Michele in Borgo a Pisa. Protagonista la prestigiosa Cappella Musicale “Santa Cecilia” della Cattedrale di Lucca, diretta da Luca Bacci e accompagnata all’organo da Giulia Biagetti. L’ingresso è liberoContinua a leggere

Quello che non ha Neri Marcorè

Dopo Eretici e Corsari Neri Marcorè torna a Pisa col teatro-canzone di Quello che non ho, sempre per la regia di Giorgio Gallione, ispirandosi ancora a Pasolini, e incrociando le canzoni di Fabrizio de Andrè: attraverso le parole di questi due giganti dell’ultimo ‘900, cerca di delineare una visione personale dell’oggi, parlando di xenofobia ecologia e poesia. Sabato 23 e domenica 24 gennaio al Verdi. Continua a leggere

La fine e l’inizio

Due buone occasioni per salutare il dissolversi del 2015 e l’avvio del 2016 tra le mura del nostro Teatro. Il 31 dicembre è all’insegna del divertimento d’autore in compagnia di Alessandro Benvenuti, con il suo cult intramontabile Benvenuti in casa Gori. Lo spettacolo inizia alle 22.15, a mezzanotte il brindisi al nuovo anno. Il 1° gennaio, invece, l’appuntamento è in musica: alle 18, la 24^ edizione del Concerto di Capodanno con, ancora una volta, l’Orchestra Arché diretta dal M° Francesco PasqualettiContinua a leggere

Eneide 2.0

I prossimi 11 e 12 dicembre il Verdi di Pisa ospita la trionfale tournée di Eneide, un nuovo canto, spettacolo/concerto della compagnia Krypton, remake dello spettacolo cult del 1983 in cui a suonare dal vivo erano i giovanissimi Litfiba, riproposto a 30 di distanza grazie a una campagna di crowdfunding che ha reso il quadruplo delle attese. Sul palco, nell’atmosfera high tech che da sempre contraddistingue i lavori dei Krypton, il mito di Enea e della fondazione di Roma viene interpretato da alcuni dei musicisti di allora, Maroccolo, Aiazzi e Magnelli, e dall’aedo Giancarlo Cauteruccio, voce corpo e mente della compagnia, mentre la voce off di Ginevra di Marco regala il canto a Didone e Lavinia.

Continua a leggere