Spettacoli sospesi

In seguito all’entrata in vigore del DPCM del 25 ottobre, la Fondazione Teatro di Pisa è stata costretta a sospendere gli spettacoli in programma. Il Teatro ringrazia il pubblico per la comprensione e il grande affetto dimostrato con l’accoglienza riservata agli spettacoli del cartellone appena avviata la prevendita dei biglietti. Non appena possibile, verranno prontamente fornite tutte le informazioni sulle nuove date in cui verranno riprogrammati gli spettacoli previsti fino a dicembre. È possibile richiedere il rimborso per le due recite de La notte dell’Innominato presso il Botteghino entro e non oltre il 20 novembre 2020.

Parte la prevendita dei biglietti

Dopo l’emanazione del nuovo DPCM, può partire la prevendita dei biglietti annunciata per il 6 ottobre scorso e poi giocoforza rinviata in attesa delle nuove disposizioni sulla capienza. Da giovedì 15 ottobre (da venerdì 16 anche telefonicamente, online e nel circuito Vivaticket) sarà dunque possibile acquistare i titoli d’ingresso per tutti e cinque gli appuntamenti autunnali in calendario al Teatro Verdi da novembre a dicembre. Saranno cautelativamente disponibili 200 posti a recita, posizionati in platea e nel primo e secondo ordine di palchi. Questo numero potrà tuttavia essere ampliato alla luce delle disposizioni future emanate dal Consiglio dei Ministri e dalla Regione Toscana.  Continua a leggere

Una nuova Stagione

Dopo circa sette mesi dall’ultimo spettacolo in scena nel nostro Teatro, finalmente alle porte c’è una nuova Stagione. Finalmente, pur con tutte le cautele e le limitazioni imposte dal perdurare dell’emergenza sanitaria, il pubblico potrà tornare in questo storico e amato edificio. Amato, è proprio il caso di dirlo, se si pensa al gran numero di rinunce ai rimborsi per l’annullamento degli spettacoli dallo scorso marzo. Da questo mese prende così il via un programma autunnale di Musica, Prosa e Lirica. Da domenica 18 ottobre, con il concerto inaugurale della 54^ Stagione dei Concerti della Scuola Normale Superiore. La prevendita dei biglietti è momentaneamente rinviata in attesa delle nuove disposizioni sulla capienza contenute nel DPCM in via di emanazione.  Continua a leggere

Grande invasione in città

In un’epoca di chiusure trascorse e minacciate, un evento che sa di apertura in tutti i suoi significati animerà la nostra città domenica 11 ottobre. Per tutta la giornata dalle 9.30 alle 19, oltre cento giovani attori dei principali laboratori cittadini si esibiranno in decine di performance “di strada” consecutive lungo l’intero asse est-ovest di Pisa, da Cisanello a Porta a Mare, recitando testi legati ai temi dell’enciclica Laudato si’, da Gramsci a Elio e le Storie Tese. La grande invasione, organizzata dal docente del Teatro Verdi Franco Farina, ai tempi del Coronavirus sperimenterà dunque una modalità altra di relazione attore-pubblico-spazio, rivendicando l’essenzialità del teatro anche fuori dalle sale.  Continua a leggere

La Disfida in vernacolo chiude Fuori Teatro

L’ultimo evento del programma Fuori Teatro al Giardino Scotto è un nuovo “episodio” della ormai classica “disfida vernacola” tra Pisa e Livorno. Domenica 20 settembre alle 21 si disputerà un “duello all’ultima battuta” tra le più pungenti “linguacce” protagoniste della parlata popolare delle due città. Organizzato dal Crocchio Goliardi Spensierati, l’appuntamento chiude così la rassegna promossa dall’Assessorato alla cultura del Comune di Pisa insieme alla Fondazione Teatro Verdi, col sostegno della Banca di Pisa e Fornacette e del Centro Commerciale di Pisanova.  Continua a leggere

La Signorina Else al Giardino Scotto

Terz’ultimo appuntamento di Fuori Teatro, il 18 settembre alle 21 La Signorina Else è in scena al Giardino Scotto dopo aver calcato numerosissimi palchi italiani e aver già ricevuto il plauso di pubblico e critica. Tratto dalla novella di Arthur Schnitzler del 1924, lo spettacolo vede Martina Benedetti protagonista e porta la firma dell’attore e regista pisano Andrea BuscemiContinua a leggere

Stiamo sempre insieme

In questa condizione di emergenza sanitaria in cui stiamo vivendo, con le attività del nostro Teatro giocoforza sospese, giusto è far di tutto per stare uniti nella distanza. Una situazione insolita, proprio in quanto tale, può offrire insoliti punti di vista, spunti, idee. Ma ogni nuova esperienza nel mare della condivisione rischia di perdersi. Per questo il Teatro di Pisa propone di costruire insieme un’arca per raccogliere le nostre storie e i nostri sogni: A.P.P. – Archivio Poetico della Pandemia. Il Verdi mette a disposizione il proprio palcoscenico virtuale, le sue pagine social, per dare voce in questo momento particolare ai cittadini, che da spettatori possono trasformarsi in autori di eventi spettacolari. Ogni contributo andrà spedito a app@teatrodipisa.pi.it. Tema: Ma i pandemici sognano?  Continua a leggere

…e ancora Don Chisciotte

Passata una settimana dal Don Chisciotte in danza del Balletto di Roma, la storia del cavaliere errante torna al Verdi per il sesto appuntamento della Stagione di Prosa, sabato 15 e domenica 16 febbraio: Don Chisciotte, protagonisti Alessio Boni, anche regista insieme a Roberto Aldorasi e Marcello Prayer, e Serra Yilmaz nel ruolo di Sancho Panza. Sabato 15, in Sala “Titta Ruffo” alle 18, è in programma un incontro coordinato dal drammaturgo Franco Farina, dal titolo “Don Chisciotte al Cardarelli”, durante il quale si dialogherà con Francesco Niccolini, a cui si deve l’adattamento, Aldorasi e Prayer.  Continua a leggere

Danza Don Chisciotte

Anche la Stagione di Danza prosegue con il suo terzo appuntamento. Dopo il debutto a Roma dello scorso luglio, sabato 8 febbraio è al Verdi il Balletto di Roma con Io, Don Chisciotte, rielaborazione del romanzo di Miguel de Cervantes firmata da Fabrizio Monteverde. Fra i più applauditi coreografi italiani, esponente di una generazione di talenti esplosa negli anni Novanta, Monteverde svolge da più di trent’anni un lavoro di elaborazione stilistica e drammaturgica che ne rende unico il segno. Al termine dello spettacolo è previsto un incontro con il coreografo a cura di Silvia Poletti, critico e studiosa di danza.  Continua a leggere

L’assordante buio della parola

Il quinto appuntamento della Stagione di Prosa è con Maurizio De Giovanni in una meno usuale veste di autore di una commedia. Allo scrittore napoletano di fama internazionale, noto fra tutti i suoi libri per le serie del Commissario Ricciardi e I Bastardi di Pizzofalcone, si devono infatti i due atti della pièce Il silenzio grande, regia di Alessandro Gassmann, in scena al Verdi sabato 1 e domenica 2 febbraio. Pochi i biglietti ancora disponibili al Botteghino per quest’opera inedita.  Continua a leggere