Borghesi, lavoratori e figli

Un borghese piccolo piccolo è un romanzo di Vincenzo Cerami da cui è stato tratto il capolavoro cinematografico di Monicelli del 1977, protagonista Alberto Sordi, che torna a rivivere sulla scena del Verdi sabato 15 e domenica 16 dicembre nell’interpretazione di Massimo Dapporto, un gigante del teatro italiano. La commedia dai risvolti tragici, esilarante e commovente, racconta la storia di un uomo di provincia il cui più grande desiderio è quello di “sistemare” suo figlio Mario, anche con qualche scorciatoia. Le musiche dello spettacolo sono appositamente scritte dal premio Oscar Nicola Piovani.

Attualizzata quel tanto che basta per avvicinarla ai giorni nostri, una tragicommedia che vira dai toni spesso umoristici della prima parte al clima sempre più nero della seconda, man mano che crescono nel protagonista la rabbia e il desiderio di vendetta.
«[…] l’allestimento di Fabrizio Coniglio ha l’intelligenza di imporre alle vicissitudini il paradigma di un’attualità (amarissima) rafforzata dalla tossicità (esistenziale, economica) dei tempi in corso. Ripartita in tre diverse, scarne ambientazioni […] la versione scenica è densa di specifiche scansioni temporali, tempra dialettica e repertorio di bassi umori: dal grottesco all’involontariamente buffo-patetico. […] Eccellente e coraggiosa inoltre la prova attorale di Massimo Dapporto (sorta di “faina” aggressiva, dimessa, sottomessa secondo le necessità), coadiuvato da un gruppo di comprimari credibili e di misurata energia […] Dal cialtronesco al cinico, dall’ipocrita allo sguaiato, dal disperato al disperante, Un borghese piccolo piccolo tocca con apprezzata sobrietà e senza usare l’indice dell’ “accusa” tutti i registri, i “canoni inversi” di una italica tregenda pullulante di “uomini ridicoli”, ma ottusi ed efferati». Angelo Pizzuto, SIPARIO.

Pisa, Teatro Verdi

sabato 15 dicembre 2018 ore 21, turno A Cartellone e Cinque
domenica 16 dicembre 2018 ore 17, turno B Cartellone e Cinque

Massimo Dapporto in

UN BORGHESE PICCOLO PICCOLO

di Vincenzo Cerami
musiche originali Nicola Piovani
costumi Sandra Cardini
scene Gaspare De Pascali
con Susanna Marcomeni, Roberto D’Alessandro, Matteo Francomano, Federico Rubino
adattamento e regia Fabrizio Coniglio

produzione Teatro e Società diretto da Pietro Mezzasoma