Spazio 1999 bis

Uno spettacolo del 1999 di MK e la sua riedizione del 2015 per Aterballetto: mercoledì 22 febbraio h 21 al Teatro Sant’Andrea di Pisa, per la prima volta, originari e nuovi interpreti si confrontano in un bis perfetto con un arbitro d’eccezione, la studiosa di danza e giornalista del Sole 24 ORE Marinella Guatterini. Sul palco i danzatori del ’99 Biagio Caravano e Michele Di Stefano di MK, e i nuovi interpreti, Damiano Artale e Philippe Kratz dell’Aterballetto. Occasione unica per vedere due volte di seguito un lavoro di 12 minuti, e giocare a scoprire similitudini e differenze.

http://www.youtube.com/watch?v=h7q7x5IuX9U[/youtube]

E-ink, il “foglio elettronico”, fu il primo successo della compagnia MK di Michele Di Stefano, nome di punta del teatro performativo e della ricerca coreografica italiana (Leone d’Argento alla Biennale di Venezia 2014), realizzato nel 1999 e oggi rinato grazie all’interessante progetto RIC.CI. Reconstruction Italian Contemporary Choreography Anni ’80/’90, ideazione e direzione artistica Marinella Guatterini, che ripresenta il passato prezioso e originale della coreografia italiana. Il quarto appuntamento con la Stagione di Danza 2016/17, organizzata insieme a Fondazione Toscana Spettacolo onlus, è così una vera e propria chicca, in quanto per la prima volta gli originari interpreti dello straordinario duetto E-INK, Biagio Caravano e Michele Di Stefano, e i nuovi interpreti, i danzatori Damiano Artale e Philippe Kratz dell’Aterballetto, sempre con il riallestimento a cura di Biagio Caravano e Michele Di Stefano, si confrontano in un match esplosivo.

Nel mezzo una moderatrice, Marinella Guatterini, docente di Teoria ed Estetica della danza alla Scuola Paolo Grassi e giornalista, che illustrando il video di un libretto pubblicato appositamente per E-ink, ne presenterà alcune parti di interviste e riprese di prove del 1999 e del 2015. Serata di due più due, su di un immaginario ring con arbitro.

mercoledì 22 febbraio 2017 ore 21 (Chiesa di Sant’Andrea) 

Progetto RIC.CI. – Reconstruction Italian Contemporary Choreography Anni ’80/’90
ideazione e direzione artistica
Marinella Guatterini
E-INK 1999/2015

uno spettacolo di mk riallestito per RIC.CI da Aterballetto

coreografia, luci e costumi
Michele Di Stefano
musica
 Paolo Sinigaglia
realizzazione costumi
Sartoria Aterballetto/Francesca Messori

produzione 1999

interpreti Biagio Caravano, Michele Di Stefano
produzione 
mk/Festival Teatri 90/Ref.
“E-Ink nasce dalla curiosità per le pratiche antiche dei messaggi oracolari e divinatori che, pur essendo formalmente precisi, sono il prodotto di uno sconvolgimento psichico. Esatta ed ambigua ad un tempo, la loro scrittura è organizzata sull’addomesticamento ritmico di ciò che per sua natura desidera essere continuamente reinventato e frainteso”.
(Michele Di Stefano, 1999)
durata:
12′

produzione 2015

interpreti Damiano Artale, Philippe Kratz

riallestimento a cura di Biagio Caravano e Michele Di Stefano
nell’ambito del progetto RIC.CI. (capofila Fondazione Fabbrica Europa per le arti contemporanee)
in collaborazione con
Amat – Associazione Marchigiana Attività Teatrali, Arteven, Circuito Teatrale Regionale Veneto, TPP – Teatro Pubblico Pugliese
in coproduzione con 
Fondazione Teatro Grande di Brescia, Fondazione Fabbrica Europa per le arti contemporanee, Fondazione Milano – Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, Fondazione Ravenna Manifestazioni, Fondazione Teatro Comunale di Ferrara “Claudio Abbado”, Torinodanza festival | Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale

“Il duetto è interamente scritto, fin nel minimo dettaglio, a tal punto da risultare parossistico e maniacale nella sua abbondanza di segni, ognuno dei quali risponde ad una logica ritmica differente. A distanza di più di 15 anni è stato soprattutto il corpo a ritrovare l’esattezza di quella scrittura, a rimettere in connessione tutti i particolari scollegati tra di loro per farli ridiventare organici nella loro misteriosa iconografia.” (Michele Di Stefano, 2015)

durata: 12′ .

 

Biglietti con prezzi che variano da 10,00 a 5,00 Euro, con le consuete riduzioni, oltre a quella del 50% per giovani, studenti e scuole di danza, in vendita presso il Botteghino del Teatro Verdi.

Per ulteriori informazioni: Fondazione Teatro di Pisa, tel 050 941111, www.teatrodipisa.pi.it

I commenti sono chiusi.