Laura Morante Locandiera

Basterebbe mettere in fila tutti i nomi presenti nel cartellone di questa commedia per correre al Verdi, il 18 o 19 febbraio: in primis Laura Morante, attrice di culto del cinema italiano, musa indiscussa per Nanni Moretti, Gianni Amelio, Pupi Avati, e per un nutrito gruppo di altri registi italiani e francesi che hanno fatto la storia del cinema, regista a sua volta di due lungometraggi, uno, “Assolo”, presentato proprio a Pisa lo scorso anno. L’autore del testo adattato da Goldoni Edoardo Erba, autore di teatro e di televisione tra i più premiati e tradotti all’estero, dagli esordi con Bim bum bam alla “Maratona di New York”. Il regista palermitano Roberto Andò, che ha raccolto nel film “Il manoscritto del Principe” gli ultimi anni di vita di Tomasi di Lampedusa insieme al suo allievo prediletto Francesco Orlando, e ha diretto Toni Servillo in “Viva la libertà” e nel più recente “Le confessioni”. Danilo  Nigrelli,interprete di punta per i maestri italiani del teatro, Griffi, Ronconi, De Capitani, Scaparro, e soprattutto Antonio Latella.

Un cast di ottimi attori completa il gruppo degli ospiti della locanda di Mirandolina, che è diventata, in questa riscrittura, un b&b della Toscana contemporanea. Spiega la stessa morante in un’intervista a Rodolfo Di Giammarco su Repubblica: “La produzione, il Nuovo Teatro, aveva chiesto un testo divertente. D’accordo con Erba e con Andò s’è pensato a una figura di ostessa contemporanea immersa in un rebus alla Agatha Christie, in una condizione misteriosa e nera. È venuta fuori una albergatrice subito diversa dal modello del ‘700 perché all’inizio è insicura, fa gaffe, è dominata da un marito che non si vede mai, ma poi progressivamente acquisterà un piglio da dominatrice, scoprendo in se stessa un potere esercitabile sugli uomini”. Se la Locandiera di Goldoni era protofemminista, qui l’ostessa Mira è quasi una manager in erba, scopre che il gioco della seduzione le piace, la fa essere più donna di come si è mai sentita. E diventa capace di utilizzarlo soggiogando gli uomini e facendosi aiutare da loro a superare le difficoltà del presente.

LOCANDIERA B&B

di Edoardo Erba

liberamente ispirato a La Locandiera di Carlo Goldoni

con Laura Morante

e con (in o.a.) Giulia Andò, Bruno Armando, Eugenia Costantini, Vincenzo Ferrera, Danilo Nigrelli, Roberto Salemi

regia Roberto Andò

assistente alla regia Luca Bargagna

scene e luci Gianni Carluccio

costumi Alessandro Lai

suono Hubert Westkemper

al Teatro Verdi di Pisa sabato 18 alle 21 e domenica 19 alle 17

I commenti sono chiusi.