Teatri di Confine, Girl 1.0

Dopo Un bès – Antonio Ligabue, primo spettacolo in rassegna, venerdì 24 ottobre alle 21:15 al Teatro Sant’Andrea di Pisa è in programma il secondo appuntamento di Teatri di Confine 2014, cartellone combinato tra Pisa e Buti organizzato dalla Fondazione Toscana Spettacolo. In scena Girl 1.0 di e con Laura Rossi, attrice, regista e drammaturga toscana che ha militato nelle fila della compagnia pisana dei Sacchi di sabbia.

Girl 1.0, finalista al concorso Teatropia 2014, è un lavoro che lo spettatore può percepire come uno specchio nel quale guardarsi. È la rappresentazione della violenza, fisica e del pensiero sul corpo delle donne e sulla dignità di ogni essere umano. Un’indagine sull’idea della donna intesa come semplice oggetto, che nasce dalla necessità di esplorare quanto e come la spettacolarizzazione della realtà faccia violenza sull’essere umano, sulla donna soprattutto, privandolo di libertà e dignità e riducendolo a mera apparenza. La patinata facciata della banalità si trasforma  nel corso dello spettacolo in un mix di cattiveria e psicosi. Della protagonista Alessia si ride e si ha pietà, la si odia e la si ama allo stesso tempo. È lo stereotipo che tutti temiamo e critichiamo, incarna la tanto e universalmente paventata mediocrità. Il registro, a tratti ironico, a tratti grottesco, non appesantisce la fruizione dello spettacolo che passa attraverso il comico per arrivare al tragico, alla messa in discussione della vita stessa. Il disegno luci è di Valeria Foti. Biglietti a partire da 8 euro, per prenotazioni Teatro Sant’Andrea tel. 050542364.

Questi i prossimi appuntamenti di Teatri di Confine. Al Teatro Sant’Andrea, il 6 novembre Le Troiane, “frammenti di tragedia” da Euripide. Il 19 novembre Diffraction #1, concept e composizione di Gabriele Marangoni, testo di Jeton Neziraj. Il 5 dicembre Silenzio di Harold Pinter, regia di Dario Marconcini. Il 18 dicembre OOOOOOO(IT), una sorta di “musical postmoderno” per la regia e coreografia di Giulio D’Anna. Al Teatro Francesco di Bartolo di Buti, il 1° novembre Vocazione di e con Danio Manfredini. Il 14 novembre Piccoli suicidi in ottava rima dei Sacchi di sabbia. Il 25 novembre La stanza là in alto, secondo studio, adattamento di Ero in casa e aspettavo che arrivasse la pioggia.