Gabriele Lavia è il Malato immaginario


Questo week end al Teatro Verdi di Pisa il ritorno del regista che più di ogni altro incarna l’ossessiva volontà di tradire i classici. Sette anni dopo L’Avaro, che debuttò al Verdi con clamoroso successo, Lavia torna a rileggere Molière in chiave noir, oscillando tra il grottesco e l’orrore dei fantasmi. Ipocondriaco come il personaggio di Argante, Lavia si lancia in quest’avventura sfidandone la storia e la grandezza.

Continua a leggere

WAITING. REPRISE

A sfatare il mito della irriproducibilità del teatro, la seconda puntata della rassegna “GRANDI SPERANZE”  del Teatro Sant’Andrea  di Pisa è dedicata agli “oggetti desueti del teatro”, spettacoli messi in scena dopo più di 20 anni dagli stessi artisti che li hanno creati, e che hanno compiuto una gigantesca evoluzione del loro percorso creativo. La prima parte della rassegna propone, nel mese di dicembre, spettacoli anacronistici e antichi, ma capaci ancora di lanciare strali poetici sul nostro presente: su molti di questi lavori si poggiano le fondamenta di tanta drammaturgia contemporanea.
Hanno accettato la proposta coraggiosa e originale del Sant’Andrea Teatro, frugando nelle pieghe del proprio passato: Marco Baliani che presenterà il suo Frollo, uno spettacolo di inizio anni ‘90, la Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa, che ripropone il suo spettacolo di esordio da Le Serve di Genet del 1986, e infine il Teatro del Carretto con la sua bellissima Biancaneve del 1983, uno spettacolo per adulti e bambini proposto anche in pomeridiana.
Primo appuntamento giovedì 2 dicembre con Marco Baliani: alle 17 al Sant’Andrea Teatro presentazione del volume edito da Titivillus Ho cavalcato in groppa ad una sedia. Alle 21.15 l’autore è in scena con  Frollo
Per il programma dettagliato clicca qui: Continua a leggere

Il mercante in prova

La Prosa continua con Moni Ovadia il 27 e 28 novembre

La Stagione di Prosa 2010/2011 del Teatro di Pisa è già al secondo appuntamento in cartellone, dopo l’esordio con Luca De Filippo in Le Bugie con le Gambe Lunghe che ha visto il teatro pressoché esaurito per entrambe le repliche. In scena al Verdi sabato e domenica 27 e 28 novembre, Shylock – Il Mercante di Venezia in Prova segna il ritorno a Pisa di Moni Ovadia, un artista ben noto al pubblico di casa nostra. Attenzione al titolo: non si tratta propriamente de Il Mercante di Venezia di Shakespeare, bensì di un adattamento da Shakespeare, una personale riscrittura del celebre capolavoro del bardo. Continua a leggere

La Prosa al via

Luca De Filippo apre la Stagione 2010/2011 del Teatro di Pisa

Di seguito la prima parte del cartellone che nella sua interezza ci accompagnerà fino al prossimo mese di marzo:

Una commedia amara che apre la riflessione che percorre tutta la stagione, nel dialogo tra verità e menzogna. Come diceva Eduardo, le bugie con le gambe lunghe sono quelle “che tutti noi dobbiamo aiutare a camminare per non far cadere l’impalcatura della società” (Eduardo De Filippo nell’intervista a Sergio Romano).

giovedì 11 e venerdì 12 novembre 2010, ore 21.00
La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo
LE BUGIE CON LE GAMBE LUNGHE Continua a leggere

APRE LA LIRICA, ENTRINO I GIOVANI

Il 9 ottobre al Teatro Verdi s’inaugura una Stagione d’Opera che guarda a un pubblico giovanile

Anche quest’anno il Teatro di Pisa dà il via alle attività di spettacolo con l’inaugurazione della Stagione Lirica, che precede i cartelloni di Prosa e Danza in apertura tra novembre e gennaio. La Lirica è da sempre punto di forza del Teatro Verdi e la Stagione 2010/2011 non può che proseguire secondo le consolidate linee guida che amalgamano scelte culturali precise e valorizzazione di giovani voci, con un occhio attento alle spese. Aspetto, quest’ultimo, di sempre attuale importanza considerata la nota situazione finanziaria del nostro teatro e del settore in generale. Durante la conferenza stampa di presentazione, il Presidente Sergio Cortopassi non ha mancato di sottolineare come, a fronte del secondo anno di seguito con i bilanci che si chiuderanno in positivo, ci si appresti ad entrare in un’annata molto difficile e carica di interrogativi, tra tagli al FUS e incertezze nei contributi. Ma restiamo all’oggi. La Stagione 2010/2011 nasce con la volontà evidente di andare incontro a un pubblico giovane. In un panorama di riduzioni, promozioni e prezzi in linea con la situazione corrente, spicca senz’altro la promozione giovani. I titolari di Yorickard, di StudentCard, gli studenti dell’Università di Pisa e tutti i giovani sotto i 26 anni potranno usufruire di biglietti ridotti del 50%, un’opportunità da non perdere per i ragazzi che potranno godere di un cartellone eccellente a prezzi vantaggiosi. Continua a leggere

Addio a Saramago, "titano" della letteratura

Il Premio Nobel portoghese è scomparso a giugno.

Sono passati diversi giorni da quando José Saramago se ne è andato e non abbiamo certo pretesa di darne notizia. Queste righe hanno la sola velleità di essere il ricordo di uno scrittore immenso che con la sua scomparsa ha lasciato un vuoto incolmabile nel mondo della letteratura contemporanea. Il pubblico del Teatro di Pisa lo aveva ben presente, aldilà della sua fama di romanziere, da quando alcuni anni fa la nostra Stagione di Prosa aveva ospitato un adattamento per il palcoscenico del romanzo Cecità (Ensaio sobre a Cegueira, 1995), uno dei capolavori di colui che nel 1998 è stato il primo e tuttora unico autore portoghese a vincere il Premio Nobel per la Letteratura. Continua a leggere

On off: si accende la scena dei festival

2 rassegne tra Cascina e Prato inaugurano la calda stagione dei festival, con una riflessione urgente sulla contemporaneità. I 9 giorni di Contemporanea Festival si snodano in altrettanti spazi tra Prato e Montemurlo, tra gli ex macelli di Officina Giovani e il Centro Pecci, il Fabbricone e le case della città, aperte per spettacoli e performance, per coltivare il rapporto con un territorio già pronto ad accogliere Rodrigo Garcia, gli Anagoor, i Codice Ivan e molti altri.
I 4 giorni di Metamorfosi alla Città del Teatro di Cascina e al Teatro Rossini di Pontasserchio si aprono col proclama della “necessità” del teatro d’arte civile, politico e in rete. Attraverso spettacoli, incontri, performance e i laboratori con Armando Punzo, gli Egumteatro, Francesca della Monaca. Continua a leggere

L’atomica teatrale

Copenaghen dell’inglese Michael Frayn, presentato al Teatro Era di Pontedera in chiusura di stagione lo scorso 27 aprile, ripercorre l’incontro/scontro, avvenuto nella capitale danese occupata dai nazisti nel 1941, tra i premi Nobel per la fisica Niels Bohr e Werner Heisemberg, un tempo maestro e allievo. Cosa è successo veramente? Di sicuro, dopo quell’incontro, il mondo non è stato più lo stesso. E se quell’incontro fosse andato diversamente? la Germania avrebbe avuto la bomba atomica prima degli Stati Uniti, e forse la bomba di Hiroshima sarebbe esplosa in Europa, a Londra, o a Parigi.

La stagione del Teatro Era prosegue con il festival Fabbrica Europa
Prossimo appuntamento sabato 15 maggio

con la Shen Wei Dance Arts New York
Re – (I,II,III) Tibet – Angkor Wat – The New Silk Road


Continua a leggere

Equilibrio emergente

Il Presidente Cortopassi presenta il bilancio 2009 del Teatro di Pisa

“Dopo un anno e cinque mesi di Consiglio di Amministrazione è la prima volta che ci vedete sorridenti…” Con questa frase che dice subito molto, il Presidente della Fondazione Teatro di Pisa Sergio Cortopassi apre la conferenza stampa indetta per la presentazione dei risultati d’esercizio 2009. Mattina di sabato dieci aprile, tipica location la Cantinetta del Verdi. Di fronte alla stampa locale, alla presenza del Sindaco di Pisa Marco Filippeschi e di Silvia Panichi e Silvia Pagnin, assessori alla cultura rispettivamente del Comune e della Provincia, il Presidente mostra con evidente soddisfazione i dati che attestano i primi passi compiuti verso il risanamento aziendale del teatro, senza abbandonare la cautela comunque doverosa in una situazione ancora delicata. Continua a leggere