Un curioso caso d'amore?

Luca Barbareschi rispolvera Il Caso di Alessandro e Maria di Giorgio Gaber

Il Teatro di Pisa prosegue il suo fresco cammino lungo il Cartellone di Prosa 2009/2010, dopo aver messo in archivio Vita di Galileo che ha regalato un pregevole risultato di pubblico con due splendide serate di tutto esaurito. Lo fa con un secondo appuntamento dal gusto teatrale totalmente diverso, ma di pari generosità negli spunti d’interesse che offre. Il Caso di Alessandro e Maria è in scena al Verdi mercoledì 16 e giovedì 17 dicembre alle 21. La coppia Luca Barbareschi e Chiara Noschese si propone in una commedia musicale scritta da Giorgio Gaber con Sandro Luporini e messa in scena nel 1982 dallo stesso Signor G accompagnato a Mariangela Melato nel ruolo della protagonista femminile. Continua a leggere

Grandi speranze al Sant’Andrea Teatro

Le 3 repliche di “Essedice”, il nuovo spettacolo dei Sacchi di Sabbia insieme all’illustratore/scrittore pisano GIPI, aprono la nuova rassegna realizzata all’interno del progetto “Riassetto del sistema teatrale e dello spettacolo in Toscana”, in collaborazione con il Cinema Teatro Lux, LaCittàdelTeatro di Cascina, il progetto “SQUILIBRI D’ARTE, Diversità e antagonismo del creare”, video-ricerca sulla creatività sommersa nel territorio pisano, a cura del Corso di Laurea CMT dell’Università di Pisa.
Continua a leggere

Tutto su Galileo

La Prosa 2009/2010 apre con Vita di Galileo e chiude una ricca settimana di eventi dedicati allo scienziato pisano

L’anno galileiano che procede verso la conclusione s’incrocia con la Stagione di Prosa 2009/2010 del Teatro di Pisa e il punto di intersezione è un Vita di Galileo di Bertolt Brecht che va ad aprire il cartellone sabato 28 e domenica 29 novembre. La versione del capolavoro brechtiano per la regia di Antonio Calenda e con Franco Branciaroli nei panni di Galileo Galilei è infatti un indovinato primo appuntamento, nell’anno dedicato al grande scienziato di casa nostra, di un programma che può definirsi “della rinascita” dopo la rassegna ridotta della stagione passata. Continua a leggere

TRENT’ANNI VERDI

Un convegno e una festa per il trentennale del Teatro di Pisa.
Sabato 24 dalle 9.30, nella Sala delle Baleari del Comune di Pisa, il convegno “Teatro città territorio fra presente e futuro”: apre i lavori il sindaco Marco Filippeschi, conclude l’Assessore regionale alla cultura Paolo Cocchi.
Domenica 25 teatro aperto dalla mattina alla sera per una festa all’insegna della danza, del teatro e della musica.
Continua a leggere

TEATRI DI CONFINE 3

Sei spettacoli per la terza edizione di Teatri di Confine, a Pisa. La mafia calabrese, l’apocalisse ambientale e l’eutanasia: temi cruciali di attualità affrontati con l’intelligenza e il sorriso da attori e gruppi teatrali tra i migliori del panorama nazionale.
Il primo appuntamento venerdì 16 al Teatro Sant’Andrea di Pisa con U TINGIUTU (il tinto, dal calabrese), la Calabria di oggi raccontata con gli eroi della tragedia classica.
Continua a leggere

In corso D'Opera

Presentati la Stagione Lirica 2009/2010 e il nuovo direttore artistico Claudio Proietti

Secondo sabato di settembre, prima di pranzo, il teatro è chiuso. Si consuma presso l’inconsueta sede della Sala Stampa del Comune di Pisa, Palazzo Gambacorti, la conferenza stampa indetta per la presentazione della Stagione Lirica 2009/2010 del Teatro di Pisa. Di fronte ai giornalisti, il Presidente Sergio Cortopassi ufficializza un cartellone all’insegna di una intelligente ottimizzazione delle risorse, nuova dimostrazione di come si possano offrire livelli qualitativi all’altezza e in linea con i canoni storici del Teatro Verdi pur nel perdurare di una terribile crisi del settore. Con l’occasione, il Presidente presenta anche il nuovo Direttore Artistico. Il Maestro Claudio Proietti, che interviene al suo fianco, subentra al direttore uscente Alberto Batisti che ha concluso il suo mandato a fine luglio e pertanto è comunque l’artefice del programma 2009/2010. Continua a leggere

TEATRO SOTTERRANEO: L'UMANITA' ALL'ASTA

Cosa sarebbe successo se Adolf Hitler fosse morto da bambino? Se gli Incas avessero conquistato la Spagna e il Portogallo? Se l’11 settembre fosse stato il 12? Il gioco del “what if” innesca un processo di sviluppo esponenziale del recupero della storia e dei modi per cambiarla.

VISTI PER VOI:
TEATRO SOTTERRANEO

Dies irae
5 episodi intorno alla fine della specie

Al b.motion festival theatreweek
di Bassano del Grappa
il 5 settembre 2009

Continua a leggere

PROSA E LIRICA, ECCO IL 2009/2010

I cartelloni delle Stagioni del Teatro di Pisa

L’estate è ormai in corsia di sorpasso e tra pochi giorni la vedremo allontanarsi definitivamente. Non ci lascia da soli, però, ad affrontare l’inverno. Ci lascia, la bella stagione, a consolarci con i programmi delle Stagioni con la esse maiuscola, quelle del Teatro, belle altrettanto. In attesa di conoscere come si articolerà la Rassegna di Danza, riportiamo di seguito i cartelloni della Prosa e della Lirica per il 2009/2010. Basterà un’occhiata per capire che, come già avevamo previsto sulle nostre pagine elettroniche, l’anno dichiarato di transizione è alle spalle e il nostro teatro riparte con un’offerta conforme a suoi livelli anche come numero di spettacoli. Continua a leggere

Addio Fernanda

http://www.youtube.com/watch?v=WlqiyGIAS24[/youtube]

Non capita certo a tutti di avere Cesare Pavese come professore al liceo, e Primo Levi come compagno di banco. E’ ancora più raro incontrare sulla propria strada Jack Kerouac, o uscire in mare con l’uomo che ha scritto “Il Vecchio e il Mare”. E’ già difficile mettere in fila queste quattro cose, ma è ancora più raro essere riuscite, in aggiunta, a conoscere tutta la beat generation, da Allen Ginsberg a Gregory Corso, e come se non bastasse essersi fatti amici Bob Dylan, Chet Baker e Fabrizio De André. Continua a leggere

L’ALBERGO DIFFUSO DEL TEATRO

Nei giorni caldi delle transumanze turistiche, il teatro in Toscana offre nuovi sguardi sulla natura e sull’uomo. Dal Teatro Povero di Monticchiello al carcere di Volterra, passando per la calda ospitalità di Radicondoli fino al sequestro di massa nelle cave di Carrara per lo spettacolo della Fura dels Baus.

Continua a leggere