Haber per tutte le età

Negli ultimi anni è stato Bukowski, Craxi, ma anche Zio Vanja e l’Arpagone di Molière, nei teatri italiani e a Pisa, dove sarà applaudito ancora i prossimi 20 e 21 gennaio come padre, Il Padre, malato di Alzheimer sorretto dalla figlia interpretata da Lucrezia Lante della Rovere, in un percorso delicatissimo di spaesamento e poesia, che mette a dura prova gli affetti familiari, specie quando ci si trasferisce tutti nella stessa casa. Lo spettacolo, scritto dal francese Florian Zeller, si è aggiudicato il Prix Molière del 2014 come miglior spettacolo dell’anno, ed è approdato in Italia con la regia di Piero Maccarinelli e l’interpretazione di Alessandro Haber.

Continua a leggere

Iris con tanto Giappone

In prima pisana il 20 marzo 1904, l’Iris di Mascagni fu l’ultima opera lirica rappresentata nel nostro teatro sotto l’originaria denominazione di Teatro Nuovo. Al Verdi verrà riproposta in sole altre otto occasioni fino alla Stagione 2006/2007. La “decima” pisana di Iris, in versione integrale, è sabato 13 e domenica 14 gennaio, in una nuova coproduzione tra il capofila Teatro Goldoni di Livorno, il Kansai Nikikai Opera Theater di Osaka, il Teatro di Pisa e il Teatro del Giglio di Lucca. Per la regia di Hiroki Ihara, presentata in anteprima a Osaka lo scorso maggio, è un’Iris più giapponese che mai. Alle 11 di sabato la presentazione-aperitivo nel Foyer, coordinata da Stefano Vizioli, con interventi del direttore artistico del Goldoni Alberto Paloscia, del M° Daniele Agiman e del soprano Paoletta Marrocu.  Continua a leggere

Roberto Latini, Elio Germano, Luca Orsini

Non è uno strano algoritmo generatore di nomi teatrali, ma un breve campione di protagonisti della prima stagione del Teatro Nuovo a Pisa, l’ex cinema di Piazza della Stazione che da quest’anno offre un calendario di eventi e rarità da vero spazio off, con la connotazione più positiva possibile. Tralasciando gli appuntamenti cinematografici del w-end, per i quali rimandiamo al sito dell’Arsenale, attacchiamo qualche post it sul 18 gennaio, quando i 3 pisani Cristina Gardumi, Paolo Cioni e Luca Orsini, cresciuti sulle tavole del Verdi di Pisa, presenteranno il loro 68 a colori, e sul 1° febbraio, per un Viaggio al termine della notte, dal capolavoro di Céline, in versione musicale e vocale con 2 protagonisti eccellenti, Elio Germano alla voce e Teho Teardo alla chitarra e live electronics, affiancato da un terzetto d’archi che ci condurrà nel pessimismo inconsolabile dello scrittore francese. Imperdibile anche il Cantico dei Cantici il 26 gennaio con Roberto Latini.

Continua a leggere

Raggae dal vivo con violoncelli e danza contemporanea

 

A Natale il Verdi regala con la promo 1+1 omaggio uno spettacolo coraggioso e di grande impatto, di fresco debutto alle Fonderie Limone di Moncalieri, che unisce dal vivo tre elementi apparentemente lontanissimi: la musica raggae degli Africa Unite, il quintetto d’archi Architorti, di formazione classica ma di evocazione ultracontemporanea, e i danzatori della MMCompany di Reggio Emilia, fondata da Michele Merola, già coreografo per Aterballetto, Teatro San Carlo, Teatro Massimo di Palermo, Balletto di Toscana. OFFLINE è al Teatro di Pisa sabato 6 gennaio alle 21: per chi compra un biglietto il secondo è in regalo.

Nudi e crudi, il Verdi è l’ultima fermata

È proprio sulle tavole del nostro teatro che si chiude una tournée che ha attraversato tre anni di successi: sabato 16 e domenica 17 dicembre, terzo titolo della Stagione di Prosa, è in scena Nudi e Crudi, firmato da Serena Sinigaglia, un testo nato dalla penna arguta di Alan Bennet, tradotto e brillantemente adattato da Edoardo Erba. Protagonisti sono due beniamini del pubblico teatrale, televisivo e cinematografico, Maria Amelia Monti e Paolo Calabresi, affiancati da Nicola Sorrenti. Circa due ore di durata per uno spettacolo, prodotto da a.Artisti Associati, all’insegna del divertimento con un umorismo alto e mai banale.  Continua a leggere

Tutto esaurito per lo Schiaccianoci. In vendita altri 6 titoli della Stagione Danza

Il superclassico di Natale con Schiaccianoci sotto l’albero che si trasforma in Principe e conduce la piccola Clara in un sogno di fate e dolciumi, musicato da Cajkovskij e qui coreografato da Franzutti del Balletto del Sud con suggestioni dal Nutcracker di Tim Burton del 2012 potranno vederlo solo gli oltre 800 fortunati che hanno comprato per tempo il biglietto.

A disposizione in prevendita tutti le rappresentazioni di danza della Stagione 2017/18. Qui di seguito tutte le idee per regalare la danza a Natale.

Continua a leggere

Quattro teatri insieme per la lirica

Una quadruplice alleanza: il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro Verdi di Pisa, il Teatro Goldoni di Livorno e il Teatro del Giglio di Lucca, dopo la firma del protocollo d’intesa in ottobre, il 29 novembre hanno tenuto la loro prima riunione operativa. Alla base dell’accordo, promosso dalla vicepresidente della Regione Toscana Monica Barni, sta la collaborazione tra i teatri per la creazione di un vero polo toscano della lirica. I teatri si scambieranno idee, comunicazione e marketing, produzioni e allestimenti, fino ad arrivare alla coproduzione di un titolo che verrà presentato nelle quattro città.  Continua a leggere

Marionette d’autore per giardiniere del ‘600

Domenica 3 dicembre alle 15.30, al Teatro Verdi, il “dramma burlesco” di Jacopo Melani (1668) con la Compagnia Marionettistica Carlo Colla & Figli e Auser Musici: Il Girello. Parodia del potere per la direzione di Carlo Ipata e la regia di Eugenio Monti Colla, recentemente scomparso, e alla cui memoria lo spettacolo è dedicato. La recita è preceduta da una presentazione-aperitivo giovedì 30 novembre alle 18 e dalla matinée scuole sabato mattina.

Continua a leggere

Per un anno con Cechov

Fare Teatro torna in scena a cavallo tra novembre e dicembre con i suoi “veterani”. In Sala Titta Ruffo dal 28 al 3 alle 21 (il 30 anche matinée scuole alle 10) il Laboratorio di recitazione di 3° livello si cimenta con uno dei testi più complessi, studiati e rappresentati del teatro europeo: Il Giardino dei Ciliegi, l’ultimo capolavoro di Anton Cechov prima della sua morte. Il coordinamento e la regia sono di Franco Farina, Cristina Lazzari e Luca Biagiotti. La nuova traduzione è di Monica Santoro, che fu allieva di Prima del Teatro diversi anni or sono e oggi è attrice di qualità formatasi in Russia, dove ha vissuto e lavorato per 14 anni. Biglietti disponibili a 12 euro, ridotto studenti 7 euro.  Continua a leggere

Dal 2 dicembre in vendita al Verdi i biglietti per la Stagione di Danza

Dal 22 al 25 novembre tutti gli allievi delle scuole di danza pisane possono acquistare in prevendita esclusiva i biglietti per la Stagione di Danza: 7 appuntamenti da dicembre ad aprile tra cui spiccano una Petruska di Virgilio Sieni, 2 serate di giovani coreografi del circuito Anticorpi EXplò, il ritorno della Spellbound Dance Company. Inaugurazione il 21 dicembre con Lo Schiaccianoci del Balletto del Sud, tra Tim Burton e Tchajkovskij, in pieno clima natalizio, tra sogni attese e regali. Prelazioni biglietti abbonati altre stagioni dal 28 al 30 novembre. Prevendita per tutti dal 2 dicembre.