Una casa da amare e rispettare

«Ho il gusto di dirvi che questo Teatro vi adora». Introduce così, il Presidente della Fondazione Teatro di Pisa Giuseppe Toscano, una volta vinta la visibile emozione che lo aveva frenato per lunghi istanti. È così che si lascia andare, rivolgendosi a quel pubblico da grandi occasioni che ha affollato il Foyer, arrivando a riempire le file di sedie che proseguono all’esterno sotto il loggiato. Giovedì 28 giugno, in questa lusinghiera cornice, il Teatro Verdi ha presentato in anteprima le Stagioni 2018/2019Continua a leggere

Le Stagioni a porte aperte

Giovedì 28 giugno alle 18.30, anche quest’anno, il Verdi è “a porte aperte”. Sotto il loggiato del Teatro si rinnova quella che ormai da tempo è diventata una piacevole tradizione per presentare alla città le Stagioni che verranno. Un incontro, dal carattere volutamente non formale, per esporre in anteprima i cartelloni 2018/19. All’iniziativa è stato invitato a partecipare il nuovo Sindaco di Pisa e a fine serata, sempre come da consuetudine, ci sarà un aperitivo offerto dalla Fondazione Teatro di Pisa.  Continua a leggere

Curtatone in musica e vernacolo

Il 29 maggio 2018 ricorre il 170° anniversario della battaglia di Curtatone e Montanara (1848). Nell’ambito del vasto programma di celebrazioni organizzate dall’Università di Pisa, lunedì 28 maggio al Teatro Verdi, ore 21.30, si terrà lo spettacolo Gli studenti pisani a Curtatone. L’epopea del ’48 in musica e vernacolo. Gli attori Lorenzo Gremigni, Leonardo Ferri e Fabiano Cambule del Crocchio Goliardi Spensierati reciteranno il poema in vernacolo pisano Curtatone di Dino Varani, in alternanza con il Coro dell’Università di Pisa che, diretto da Stefano Barandoni e accompagnato al pianoforte da Silvia Mannari, eseguirà una serie di cori verdiani e canti patriottici risalenti al periodo risorgimentale, alcuni dei quali proprio del 1848. L’ingresso è libero a invito: gli inviti ancora disponibili saranno distribuiti il 28 maggio direttamente presso l’Ufficio Informazioni del Teatro Verdi dalle 9 alle 20.30Continua a leggere

Questo non è uno spettacolo sul ’68

Mentre ancora risuona, dalla Sala Titta Ruffo, l’eco de Le intellettuali, in sala grande del Teatro Verdi è già l’ora di un altro spettacolo presentato nell’ambito di Fare Teatro. Sabato 26 e domenica 27 maggio alle 21, matinée scuole alle 10.30 di sabato, con Il racconto del ’68 è di scena il Laboratorio di 2° livello condotto da Franco Farina e Luca Biagiotti. Drammaturgia di Franco Farina, regia di Luca Biagiotti, aiutoregista Margherita Guerri.  Continua a leggere

Molière come un film anni Cinquanta

Fare Teatro si riprende gli spazi scenici del Verdi nel tradizionalmente “suo” mese di maggio. Protagonisti dal 17 al 24 in Sala Titta Ruffo i ragazzi del Laboratorio di 2° livello, condotto da Cristina Lazzari e Luca Biagiotti, con Le intellettuali (Les femmes savantes). Sul testo, tra i capolavori di Molière, i partecipanti al laboratorio hanno lavorato per sei mesi ed ora è fitto il calendario delle rappresentazioni: giovedì 17, venerdì 18, domenica 20, martedì 22 e giovedì 24 alle ore 21 e domenica 20 anche in pomeridiana alle 17. Il 17, 19 e 23 maggio alle 10.30 il matinée per le scuole.  Continua a leggere

Ricordando il “Pisantropo”

Venerdì 13 Aprile alle 18, presso la Domus Mazziniana di via Mazzini a Pisa, si terrà un incontro per ricordare Giampaolo Testi, uno dei più illustri e conosciuti personaggi della nostra città nell’ultimo secolo. Il Pisantropo, come lui stesso si definì. L’incontro è organizzato da Alberto Fausto Vanni dell’Associazione culturale Storie locali. Giampaolo Testi dirigente dell’Istituto Case Popolari, politico, melomane, consigliere di amministrazione del Teatro Verdi, scrittore, attore e poeta vernacolo. Questo grande personaggio ha coniugato tutte queste passioni in un unico modo: amando visceralmente la sua Pisa.  Continua a leggere

Danzando in uno spazio vuoto

Empty floor è il nuovo spettacolo degli imPerfect Dancers, compagnia pisano-internazionale di Walter Matteini e Ina Broeckx, in prima assoluta per la rassegna di danza, sabato 7 aprile ore 21 al Teatro Verdi. Empty Floor è lo spazio vuoto del palco, in quell’istante in cui ci si risveglia da una malattia, o ci si risveglia e non ci si ricorda nulla. Lo spunto nasce da un gala di danza a Stoccarda per la raccolta fondi in favore della lotta contro il morbo di Alzheimer, cui la compagnia fu invitata. La riflessione sulla malattia, sulla poesia di un universo fragile e ricchissimo, è nella danza degli straordinari interpreti, con musiche di Max Richter, Philip Glass, Ezio Bosso, Vivaldi e Bach. La serata è organizzata con la collaborazione e la partecipazione dell’A.I.M.A. di Pisa.

Continua a leggere

Teatroscuola, il “Russoli” su Orwell

Venerdì 6 aprile nella Sala “Titta Ruffo” del Verdi il laboratorio teatrale del Liceo Artistico “F. Russoli” di Pisa e Cascina, curato dalla professoressa Maria Padovan, presenta il frutto del lavoro iniziato alcuni mesi fa e che ha visto i ragazzi partecipanti coinvolti nello studio del classico di George Orwell La fattoria degli animali. A questo è ispirato Animali in rivolta, in scena alle 21 e in matinée scuole alle 11:30, regia e adattamenti di Elisa Proietti.  Continua a leggere

Con Rosalind Franklin chiude la Stagione Teatrale

Anche la Stagione di Prosa si conclude in questo mese di marzo: sabato 17 e domenica 18 è in scena al Verdi l’ultimo titolo, Il segreto della vita. Rosalind Franklin, con Lucia Mascino, che è subentrata ad Asia Argento protagonista femminile nella versione in tournée nella scorsa annata, e Filippo Dini che firma anche la regia. Lo spettacolo è la trasposizione italiana di Photograph 51 della drammaturga americana Anna Ziegler, messo in scena in origine nel West End con Nicole Kidman nei panni della studiosa che diede un fondamentale contributo alla biologia molecolare, fornendo per prima le prove sperimentali della struttura del DNA.  Continua a leggere

La marionetta più danzata di sempre

È Petruška, icona del balletto russo, musicata da Igor Stravinskij, danzata e coreografata per la prima volta nel 1911. Tutto inizia ad una festa prima della quaresima, per questo personaggio che per alcuni sembra aver ispirato anche Pinocchio, ma che piuttosto ricorda il nostro Pierrot. La marionetta triste innamorata di una ballerina è protagonista del nuovo spettacolo di Virgilio Sieni, in scena giovedì 15 marzo al Verdi di Pisa con 6 interpreti della sua compagnia. Il balletto è anticipato dal brano Chukrum di Giacinto Scelsi, sempre sul tema dello smaterializzarsi del corpo, eseguito dal vivo da un’orchestra d’archi. Al termine dello spettacolo conversazione con Silvia Poletti. PER TUTTE LE DONNE, UN BIGLIETTO A 5 EURO Continua a leggere